Si (ri)comincia

Camminavo chiacchierando con una mia compagna di corso poco fa, appena uscita da lezione e attraversando una strada noto un vecchia cinquecento, bianca, parcheggiata accanto a me: di fianco in doppia fila un suv abnorme nero, della consueta strafottenza. Le dimensioni della macchina compensano sempre altre mancanze, sempre. Ce l’hai piccolo, uomo della doppia fila, ricordatelo.

Quanto vorrei avere la possibilità di muovermi in bicicletta. A berlino* si  puòfare l’abbonamento ai mezzi annuale+trasporto bici; perchè qui no per la miseria!Ecco, giust’appunto, andatevene sul sito di critical mass italia che non fa mai male e produce poche emissioni (no, il prot della sera non inquina tranquilli).

Che bel ricordo fresco ho, di una biciclettata in gonna a  Parigi: maledetta strada in salita  beata pedalata improbabile con minigonna e reggicalze mostrato ad ogni scatto agli automobilisti. Oggi sto rompendo le scatole a chiunque con la storia degli stencil, e dei dettagli e le sfumature: riuscirò a farcela? A questo blog la risposta.

Ora camomilla miele&vaniglia e l’ultimo libro dei wu ming.

Passo e Chiudo.

* (Napoleonska Kastanienalle)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s