una storia (dell’arte) italiana

Che bravo Giorgio Armani: un’importante donazione per l’insegnamento dell’arte nelle scuole pubbliche di New York, previdente soprattutto, dato che se li avesse donati in Italia sarebbero stati persi. Le voci che girano sono quelle di un azzeramento o quasi delle ore di storia dell’arte negl’istituti superiori italiani. Personalmente ho annaspato negli anni del liceo classico con le gentiliane due ore settimanali d’insegnamento, di ben poco conto, in cui più che capire qualcosa del patrimonio immenso del Paese in cui vivo subivo i salti mortali di una docente che doveva “rispettare il programma”, per cui  ci fermammo ad un mese dalla maturità al Caravaggio. L’impressionismo? Le avanguardie? Gli informali?  Silenzio.

Peccato che come ben sa l’altro Giorgio (Napolitano) , la nostra Costituzione preveda un articolo nove:

La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione.

Già.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s