I libri non si spostano.

Sono tremendamente furiosa per questo: La provincia di Venezia mette al rogo i libri di chi firmò la petizione per Battisti

Indipendentemente da come la si pensi su Battisti, non è “solo” la solita provocazione ignorante, è l’ennesima conferma della stupidità senza fondo di una classe dirigente che andrebbe già bene se avesse sfogliato i pre-libri di Munari, e non letto i testi che quest’assessore minuscolo vorrebbe far sparire. Non deve e non può essere considerata affermazione di poco conto, da parte di un esponente del partito  al governo, l’esplicita volontà di eliminare testi di chi esprime un’opinione contraria, d’impedire ai cittadini d’informarsi, di godere di quel meraviglio diritto che è la cultura pubblica e gratuita, ma soprattutto libera e super partes delle biblioteche.

Se ne discute in maniera costantenemente aggiornata QUI.

Se siete autori di qualche libro pubblicato, potete gaudiosamente farvi inserire nella lista degli sgraditi, oppure se non avete (ancora) niente in circolazione, va bene anche solo comunicare la vostra opinione in merito: raffaele.speranzon@comune.venezia.it

Advertisements

2 thoughts on “I libri non si spostano.

  1. Non avrà letto Munari ma una sfogliatina a Fahrenheit 451 l’ha data di sicuro! p.s. complimenti per i disegni, ho sbirciato

  2. Ciao Michele, grazie per i complimenti!
    Sono curiosa di vedere come va a finire ‘sta vicenda. Se l’Einaudi (Mondadori) gli facesse causa sarebbe un paradosso più che divertente.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s